mercoledì, Maggio 5, 2021
HomeSeo3 modi in cui l'intenzione dell'utente SEO può aumentare la qualità dei...

3 modi in cui l’intenzione dell’utente SEO può aumentare la qualità dei lead

Attirando traffico organico verso il tuo sito ma non vedi abbastanza conversioni? Quindi il tuo contenuto potrebbe non soddisfare le esigenze degli utenti.

Per guidare le conversioni, devi sapere cosa stanno cercando i tuoi lead e fornire contenuti accattivanti che risuonano.

Il 14 aprile ho moderato un webinar del Search Engine Journal presentato da Anna Niles Charity, Senior Product Marketing Manager di CallRaile Lance Bachmann, fondatore e CEO di 1SEO.

Hanno condiviso come sfruttare l’intenzione degli utenti per guidare lead più qualificati e ad alto tasso di conversione.

Ecco un riepilogo della loro presentazione.

3 modi in cui l'intenzione dell'utente SEO può aumentare la qualità dei lead

Contenuti efficaci e coinvolgenti rispondono all’intento di un ricercatore, ma alcune aziende mancano il bersaglio in quest’area.

Intenzione dell’utente è l’obiettivo principale che un utente ha quando digita una query in un motore di ricerca.

Ad esempio, la tua aria condizionata si interrompe in piena estate, tu cerchi [24/7 HVAC repair] mentre il tuo partner cerca [AC repair near me].

Sebbene le parole chiave utilizzate per le query siano diverse, hanno lo stesso intento o obiettivo finale, ovvero la riparazione di un’unità HVAC.

Esistono quattro tipi comuni di intenti dell’utente, vale a dire:

  • Informativo.
  • Commerciale.
  • Navigazione.
  • Transazionale.

Ma perché è importante l’intento dell’utente?

In poche parole: soddisfare l’intento dell’utente (ricerca) di un cliente è l’obiettivo n. 1 di Google.

I risultati che Google restituisce per una particolare query di ricerca rispecchiano l’intento per quella determinata parola chiave.

Le esigenze delle intenzioni dell’utente sono una parte cruciale di una strategia SEO e di contenuto di successo.

Ecco i modi in cui le aziende possono sfruttare l’intenzione dell’utente per informare il proprio marketing.

1. Migliora l’esperienza del cliente

È fantastico classificare una query, ma se gli utenti fanno clic sui tuoi contenuti dai risultati di ricerca e non riescono a trovare immediatamente le risposte alle loro domande, allora c’è un’alta probabilità che rimbalzino dalla pagina.

Ciò si traduce in un’opportunità persa per convertire quel visitatore in un lead o un cliente.

Se Google vede che più utenti abbandonano la pagina che restano a leggere e interagire con i tuoi contenuti, potresti persino vedere le tue classifiche iniziare a scendere.

Questo è quello che è successo con un cliente di Bachmann e il suo team, uno studio dentistico che fornisce un servizio completo e cure urgenti.

Per risolvere questo problema, hanno deciso di eliminare la confusione nel contenuto del loro sito Web e ottenere le risposte più importanti.

Hanno orientato la messaggistica e il contenuto per rispondere alle domande e fornire i passaggi successivi per un tipo specifico di utente: le persone che necessitano di cure odontoiatriche di emergenza.

Gli aggiustamenti hanno portato a ottime classifiche, inclusa la posizione n. 1 per “dentista di emergenza a Philadelphia”.

Non solo hanno trovato successo nelle SERP, ma ha anche portato loro un flusso costante di lead altamente qualificati.

2. Sfrutta i dati per eseguire aggiornamenti dei contenuti informati e basati sui dati

La generazione di nuovi contenuti non è l’unico modo per soddisfare le esigenze degli utenti.

Se hai molti contenuti sul tuo sito web che stanno già guadagnando terreno, essendo indicizzati dai motori di ricerca e classificati nelle prime 30-50 posizioni, potrebbe essere meglio espandere i tuoi contenuti e migliorarli.

Una varietà di origini dati può aiutarti a scoprire informazioni sulle intenzioni degli utenti e a prendere decisioni informate quando si tratta dei tuoi contenuti: Google Search Console (GSC) è una di queste.

L’utilizzo di GSC è un ottimo modo per:

  • Scopri per quali query il tuo sito (o una particolare pagina che desideri classificare) sta ottenendo impressioni e clic.
  • Decidi se la tua pagina soddisfa effettivamente le esigenze degli utenti.

Segmentare i dati di Google Search Console in modo che siano incentrati sulle domande ti aiuterà a vedere quali domande stanno cercando i tuoi utenti che potrebbero essere legate al tuo settore.

Se vuoi migliorare la tua posizione in futuro, dovresti mirare a fornire una risposta chiara e concisa a queste domande.

Guardare Google Analytics può anche dirti molto sul fatto che la tua pagina soddisfi le intenzioni delle persone.

La tua pagina ha un tempo limitato sulla pagina e una frequenza di rimbalzo elevata?

Questa è un’altra area su cui dovresti indagare.

Potresti essere classificato per qualcosa, ma quando gli utenti arrivano alla tua pagina se ne vanno immediatamente perché non ottengono ciò che pensavano avesse il tuo contenuto.

Questo è un grande indicatore della necessità di aggiornare i tuoi contenuti.

Bachmann e il suo team incontrano spesso questo problema con molti dei loro clienti.

Un cliente nella nicchia del gioco d’azzardo ha visto l’enorme passaggio al gioco d’azzardo mobile e online come un’opportunità per educare gli utenti che stavano cercando di giustificare il gioco d’azzardo online perché sembrava meno pericoloso che visitare un vero casinò.

Quindi hanno disposto tonnellate di ottime statistiche, fonti, video e infografiche in un blog onnicomprensivo.

Hanno finito per prendere la prima posizione per termini pertinenti come “il gioco d’azzardo online è pericoloso”.

Il cliente è stato in grado di anticipare la curva e rispondere a molte domande rilevanti che hanno anche contribuito a rafforzare la consapevolezza del proprio marchio.

Questa strategia ha funzionato bene anche per un altro cliente nel settore HVAC.

Molte aziende che cercano di classificare i termini relativi a problemi HVAC comuni tendono a fare troppo affidamento sull’invito all’azione “Chiamaci oggi” invece di istruire gli utenti su ciò che potrebbe effettivamente accadere.

Andando contro la norma, hanno messo insieme un post sul blog che discuteva più tipi diversi di odori per diversi problemi con l’obiettivo di affrontare le preoccupazioni di tutti.

Il post del blog ha accumulato quasi 100.000 visite sin dal suo inizio, mirando a un tipo specifico di intento dell’utente.

La parte migliore?

Si colloca in cima alla pagina 1 con uno snippet in primo piano e converte oltre il 3%, il che per un post sul blog per un’azienda locale è piuttosto inaudito.

risultati della ricerca - cattivo odore proveniente dalle prese d'aria

3. Aumentare il tempo sul sito e i tassi di conversione

Gli utenti sono degli skimmer: arrivano sul tuo sito per ottenere una risposta o un bisogno soddisfatto.

È essenziale essere consapevoli di come i tuoi utenti vedono, interagiscono e si comportano quando sono sul tuo sito web.

Questo è il motivo per cui devi ottimizzare le tue pagine web per offrire le migliori esperienze agli utenti reali, non solo ai motori di ricerca.

Puoi valutare le tue prestazioni web monitorando il tuo Elementi vitali Web di base metrica.

Un altro modo per mantenere gli utenti coinvolti e aumentare la probabilità di conversione è sfruttare la struttura e il layout della pagina appropriati.

Organizzando la tua pagina in modo succinto e organizzato, non solo la rendi facile da capire per gli utenti, ma anche per i bot che eseguono la scansione del tuo sito.

L’utilizzo corretto dei sottotitoli e la creazione di un bel flusso di informazioni alla fine aiuterà il page rank e ad avere prestazioni migliori.

[Slides] 3 potenti modi in cui l’intenzione degli utenti SEO aumenta la qualità dei lead

Dai un’occhiata a SlideShare di seguito.


Credito d’immagine

Screenshot preso dall’autore, maggio 2021

Unisciti a noi per il nostro prossimo webinar!

I migliori segreti SEO delle organizzazioni leader

Partecipa al nostro prossimo webinar mercoledì 12 maggio alle 14:00 ET per dare un’occhiata da vicino a come le migliori aziende del mondo stanno adattando le loro strategie per rendere il marketing organico, la SEO e i contenuti una competenza fondamentale in tutta l’organizzazione.

Looks like you have blocked notifications!

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Looks like you have blocked notifications!