2.7 C
New York
martedì, Novembre 30, 2021

Buy now

Cosa è successo veramente a Facebook? “Furto massiccio di dati”, i dipendenti non avevano più accesso agli uffici

Il 4 novembre, Facebook, Instagram e WhatsApp si sono bloccati, colpendo gli utenti di tutto il mondo, inclusa la Romania.

Ironia della sorte, nonostante fosse scomparsa una delle più importanti fonti di disinformazione al mondo, le persone si sono immediatamente precipitate su piattaforme alternative come Twitter per scoprire perché non era più possibile accedere alla più grande piattaforma di social media del mondo. Come previsto, la disinformazione è proseguita su altre piattaforme in assenza del colosso di Facebook.

Ad esempio, su Twitter, molti account dubbi hanno iniziato a scrivere che “i dati di oltre 1,5 miliardi di utenti di Facebook sono stati venduti su un popolare forum di hacker”, citando un articolo di Sito web per gli affari sulla privacy, una società di ricerca sulla sicurezza informatica con sede in Romania.

La più grande e significativa fuga di dati da Facebook?

“Questa è la fuga di dati più grande e significativa fino ad oggi per Facebook”, ha affermato il sito Web di Privacy Affairs, riferendosi a un utente su “un noto forum di hacker” che aveva pubblicato un annuncio sul furto di dati.

Il tempismo del post su Twitter è stato il più opportuno possibile, vista l’enorme piuma che stava attraversando Facebook, nonostante i post sul forum risalgano al 22 settembre.

I messaggi a sostegno della fuga di dati da 1,5 miliardi di utenti hanno raccolto decine di migliaia di Mi piace e condivisioni su Twitter, anche da altri account verificati con un numero significativo di follower.

Tuttavia, la cosiddetta fuga di dati (e la sua veridicità) non sembra avere nulla a che fare con l’enorme piuma che ha attraversato Facebook. Molti esperti di sicurezza informatica affermano che la piuma è stata più che altro un errore umano.

Un attacco informatico, improbabile

Inoltre, diversi membri del team di sicurezza di Facebook hanno affermato che un attacco informatico era improbabile.

“Potrebbe essere stato il risultato di una modifica o di un aggiornamento del sistema interno non riuscito. Al momento abbiamo solo speculazioni. Solo Facebook ha il controllo sui suoi server DNS”, ha spiegato giornalista Brian Krebs su Twitter.

Frances Haugen, ex dipendente di Facebook e informatrice dietro le rivelazioni in “Facebook Files”. Fonte foto: Profimedia

La massiccia epidemia è avvenuta appena un giorno dopo la rivelazione dell’identità di un’ex dipendente di Facebook, Frances Haugen, l’informatrice dietro la gigantesca fuga di documenti chiamata “file Facebook”. La causa esatta della scomparsa delle piattaforme Facebook, Instagram e WhatsApp non è stata ancora chiarita, ma i social network online continueranno senza dubbio ad abbondare di speculazioni e voci.

I dipendenti di Facebook non avevano più accesso agli uffici dell’azienda

Tuttavia, il sospetto di un massiccio furto di dati da Facebook non è stata l’unica cosa strana in tutta questa storia. Nello stesso momento in cui i server delle piattaforme Facebook, Instagram e WhatsApp erano fuori uso, diversi dipendenti di Facebook hanno riferito di non avere più accesso agli uffici della sede centrale dell’azienda e che i loro ID non funzionavano più.

Inoltre, le piattaforme di comunicazione interna dell’azienda erano inattive, i dipendenti non potevano utilizzare i telefoni cellulari forniti dall’azienda e non era possibile accedere alle sale conferenze perché appartenevano al sistema informatico di Facebook.

Tutti questi aspetti sembrano supportare l’ipotesi di un problema al server DNS di Facebook, l’infrastruttura responsabile dell’indirizzamento di ciascun utente alla posizione di Facebook. Tuttavia, nulla di concreto è stato ancora confermato.

Ti consigliamo inoltre di leggere:

DESCOPERA.ro è stato ingiustamente limitato da Facebook a causa di alcuni post su argomenti di storia

Facebook provoca depressione. Quali sono i fattori che alimentano questo problema

I social media non sono necessariamente dannosi. Ecco come utilizzare i social network online in modo più efficace

La salute neurologica dei giovani, gravemente colpita dai social. Hanno iniziato a sviluppare tic allarmanti





Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,038FollowersFollow
18,800SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles