mercoledì, Maggio 5, 2021
HomeBLOGGoogle condivide le proposte di monitoraggio delle conversioni più recenti

Google condivide le proposte di monitoraggio delle conversioni più recenti


All’inizio di quest’anno, Google ha annunciato che non avrebbe creato o utilizzato identificatori alternativi per tracciare gli utenti in sostituzione dei cookie di terze parti, che dovrebbero essere eliminati gradualmente entro il 2022. Invece, Google è andato avanti con il test delle Federated Learning Cohorts (FLoC) , con l’obiettivo di rendere anonimi i dati individuali all’interno di folle più ampie, o coorti, di dati.

Annuncio pubblicitario

Continua a leggere di seguito

L’annuncio ha lasciato agli inserzionisti molte domande, alcune a cui non è ancora possibile rispondere poiché i test sono ancora in corso. Tuttavia, Google ha recentemente rilasciato informazioni sulle più recenti proposte di misurazione delle conversioni.

Cookie di prima parte e di terze parti

Prima di approfondire i dettagli delle proposte, è importante comprendere la differenza tra cookie proprietari e cookie di terze parti:

  • I cookie di prima parte sono quelli impostati dal sito Web corrente che un utente sta visitando. Ciò consente al dominio che un visitatore sta attualmente navigando, di memorizzare i dati di analisi e una serie di altri elementi che possono migliorare l’esperienza dell’utente, come mantenere un utente connesso o salvare il carrello anche se non ha effettuato l’accesso.
  • I cookie di terze parti sono impostati da (hai indovinato) una terza parte, al fine di tracciare il comportamento degli utenti sui siti. Ad esempio, i cookie di terze parti vengono utilizzati per tracciare e fornire annunci alle persone mentre navigano nei siti dei publisher sulla Rete Display di Google.

Annuncio pubblicitario

Continua a leggere di seguito

Poiché l’obiettivo di FLoC è sostituire l’uso di cookie di terze parti, questo annuncio più recente sul monitoraggio delle conversioni si concentra sulle conversioni view-through e sulla misurazione delle conversioni cross-device, entrambe attualmente dipendenti da cookie di terze parti.

Le proposte di misurazione più recenti

Le proposte di misurazione sfruttano un’API che ha la capacità di segnalare sia informazioni a livello di evento che aggregate. Con l’obiettivo di preservare la privacy, l’API utilizza le seguenti tecniche:

  • Dati aggregati che vengono segnalati al fine di garantire che le attività e l’identità di ciascuna persona rimangano anonime.
  • Limitare la quantità di informazioni riportate su ciascuna conversione in modo che non sia possibile esporre l’identità della persona dietro la conversione.
  • Aggiunta di “rumore” ai dati riportati, per proteggere la privacy di ogni persona includendo alcuni dati casuali insieme ai dati effettivi.

Google nota che sta iniziando a eseguire simulazioni per capire meglio come i diversi casi d’uso potrebbero essere influenzati dalle varie proposte e condividerà i risultati in futuro.

Monitoraggio delle conversioni view-through

L’attuale proposta di conversioni view-through sfrutta la capacità a livello di evento dell’API per generare rapporti sulle conversioni attribuite alle impressioni dell’annuncio da altri siti sul Web.

Il browser registra le impressioni degli annunci e associa tutte le conversioni che si verificano sul sito dell’inserzionista alla visualizzazione iniziale. L’API di Chrome limita la quantità di dati condivisi su ciascuna conversione e aggiunge rumore ai dati per garantire che i dati non possano essere utilizzati per monitorare le persone individualmente.

Annuncio pubblicitario

Continua a leggere di seguito

Gli inserzionisti che segnalano le prestazioni complessive della campagna potrebbero utilizzare la funzionalità di reporting aggregato, che consentirebbe informazioni più precise sui KPI senza compromettere la privacy poiché il reporting aggregato mantiene le identità anonime come parte di un gruppo più ampio.

Monitoraggio delle conversioni cross-device

Chrome propone agli inserzionisti di monitorare le conversioni cross-device sfruttando la capacità a livello di evento per generare rapporti sulle conversioni che si verificano sul loro sito, che verranno poi attribuite ai clic sugli annunci e alle impressioni dai dispositivi precedenti. Per monitorare i potenziali clienti, dovrebbero essere registrati su tutti i dispositivi coinvolti nel viaggio.

Rimanere aggiornati con FLoC

Per chiunque sia interessato a saperne di più su FLoC e sugli sviluppi futuri, Google ha creato privacysandbox.com.

Annuncio pubblicitario

Continua a leggere di seguito

Fonti:

Annuncio di Google

Maggiori dettagli sul monitoraggio view-through

Ulteriori dettagli sul monitoraggio cross-device




Amy BishopLooks like you have blocked notifications!

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments

Looks like you have blocked notifications!